Celebrità trentine

Margherita di Tirolo (Margherita Maultasch) (1318-1369)

Fu l’ultima nipote e erede di Mainardo II di Tirolo-Gorizia. Le sue vicende politico-matrimoniali furono decisive per la storia della nostra Regione. All’età di 12 anni sposò il Principe Giovanni di Boemia, di cui se ne volle sbarazzare 11 anni più tardi chiudendogli tutti i castelli della Venosta e costringendolo a riparare in Boemia. In seguito offrì la sua mano a Ludovico di Brandeburgo, figlio dell’imperatore Ludovico il Bavaro, grazie al quale ottenne l’annullamento del suo primo matrimonio. Margherita Maultasch assieme a Ludovico di Brandeburgo, che governò Trento fra il 1342 e il 1359, concede lo statuto del Tirolo. Infatti l’anno 1361 vide la formazione a Merano, del Landtag, ovvero un parlamento nel quale, oltre ai rappresentanti del clero, dei nobili e delle città, erano ammessi anche i delegati della ruralità (contadini).

Mainardo III di Tirolo, loro figlio, sposò Margherita d’Absburgo. Due anni dopo questi morì. A questo punto, senza altri eredi al seguito, Margherita cede il principato del Tirolo ossia “le contee in Tirolo e in Gorizia, la terra e regione all’Adige e la valle dell’Inn” ai parenti paterni, i duchi asburgici d’Austria. Questo atto segna l’ingresso dell’intero Tirolo nell’ambito territoriale della signoria degli Asburgo. Margherita di Tirolo muore a Vienna nel 1369.

Adriana Volpe

Adriana VolpeNata a Trento sotto il segno zodiacale dei Gemelli Adriana Volpe è una delle conduttrici rai della fascia del mezzogiorno per la trasmissione “Mezzogiorno in Famiglia”. Forse non tutti sanno che in passato Adriana Volpe si è anche esibita come cantante sui palchi di numerose città italiane, accompagnata da una band di giovani musicisti, i Ghost.

Giuseppina Negrelli

Giuseppina Negrelli, figlia del borgomastro di Fiera, nacque nel 1790 e fu eroina in quel di Primiero durante le invasioni napoleoniche. Col nuovo secolo il distretto minerario di Primiero, rinomato sin dal Medioevo, tanto da attirare lavoratori dal Tirolo del Nord, dalla Baviera e dalla Boemia, fu unito a quello di Pergine e di Schwaz, ma nel 1806, per imposizione di Napoleone, passò al Regno di Baviera. Durante questo periodo si cominciò a indrodurre radicali riforme nelle comunità trentine che incontrarono parecchie opposizioni nelle popolazioni derubate dei propri secolari diritti amministrativi e di autogoverno. Il malcontento crebbe di mese in mese, finché scoppiò in aperta ribellione in occasione dell’emanazione del decreto di coscrizione obbligatoria nel 1809 e dalla Valle di Fiemme la rivolta si estese a tutto il Tirolo. In Primiero fu immediatamente costituita una Commissione di Difesa durante la quale Giuseppina chiese ed ottenne di militare nella sua compagnia come portabandiera e portaordini, indossando abiti maschili e servendosi di un cavallo. Durante la primavera del 1809 tutti i passi vennero presidiati per impedire l’entrata delle truppe franco-bavaresi. Ad aiutare i difensori accorsero numerose anche le donne, che rovesciarono sassi sul nemico e lo obbligarono a ritirarsi. Durante questa occasione Giuseppina Negrelli si distinse per il valore e il coraggio dimostrato e le genti del Primiero e del Trentino ritrovarono in lei l’eroina del momento. Tutt’oggi, nel Primiero ogni anno si commemora la memoria Giuseppina Negrelli.

Giuseppina Negrelli fu sorella di Luigi Negrelli (1799-1858), ingegnere, e ispettore generale delle Ferrovie Austriache e Svizzere che progettò importanti canali fra i quali il Canale di Suez.

Chiara Lubich

Chiara Lubich nata a Trento nel 1920, è fondatrice del movimento dei focolarini.

Nel 1977, Chiara riceve a Londra il premio Templeton per il progresso della religione. A Parigi l’UNESCO le conferisce il Premio per l’Educazione alla pace ’96. E nel settembre 1998 a Strasburgo per la sua opera ‘in difesa dei diritti individuali e sociali’ le è stato assegnato il Premio Diritti Umani ’98 del Consiglio d’Europa.

Speak Your Mind

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.