Piemonte

Il museo egizio di Torino: un viaggio straordinario nell’antico Egitto

L’Egitto, con la sua storia millenaria e i suoi affascinanti misteri, ha da sempre esercitato un grande fascino sull’immaginario collettivo. Tra piramidi, faraoni, mummie e geroglifici, questa civiltà ha lasciato un segno indelebile nella storia dell’umanità. Uno dei luoghi in cui è possibile immergersi a pieno nella cultura egizia, senza dover viaggiare fino in Africa, è il Museo Egizio di Torino, il più antico museo del mondo interamente dedicato all’antica civiltà egizia e la seconda più grande collezione egizia dopo quella del Museo del Cairo.

piramidi
piramidi

Situato nel cuore della città di Torino, all’interno di un edificio risalente al 17° secolo, il Palazzo dell’Accademia delle Scienze, il Museo Egizio è uno dei maggiori poli museali italiani e una delle attrazioni turistiche più importanti del Piemonte. La sua fondazione risale al 1824, quando il re Carlo Felice acquistò la collezione di Bernardino Drovetti, un avventuriero piemontese che, durante la sua permanenza in Egitto come console di Francia, era riuscito a radunare un’incredibile quantità di reperti.

Il museo, grazie alla munificenza dei Savoia e alle numerose campagne di scavo e acquisto nel corso dei decenni, ha visto la sua collezione arricchirsi continuamente, arrivando a contare oggi oltre 37.000 reperti che offrono un ampio panorama della civiltà egizia, dalla preistoria al periodo copto, attraverso l’antico, medio e nuovo regno, fino all’epoca romana.

Tra i capolavori che si possono ammirare nel museo, figurano il Tempio di Ellesija, un tempio di epoca medio regno donato all’Italia dalla Repubblica Araba d’Egitto, le statue di Ramses II, la tomba intatta di Kha e Merit, la collezione di papiri, tra cui il famoso Papiro dei Re, e la sezione dedicata alle mummie e agli ushabti, piccole statuine funerarie.

Ma la visita al Museo Egizio non si limita all’ammirazione dei reperti: il museo è infatti dotato di una serie di strumenti multimediali che consentono ai visitatori di approfondire le proprie conoscenze sulla cultura egizia. Ad esempio, attraverso l’uso di applicazioni interattive, è possibile scoprire come veniva costruita una piramide o leggere i geroglifici.

Il museo è anche un importante centro di ricerca e studio, con una biblioteca che vanta oltre 20.000 volumi sull’egittologia e un attivo programma di conferenze, workshop e incontri con i maggiori esperti internazionali del settore.

Non importa se siete appassionati di storia, di arte, di archeologia, o semplicemente curiosi, una visita al Museo Egizio di Torino è un viaggio affascinante nel tempo, un’esperienza che vi lascerà senza parole. Non perdete l’opportunità di visitare questo gioiello, un vero e proprio tesoro nascosto nel cuore del Piemonte!

Articoli correlati

Il Duomo di Alba: gioiello del romanico piemontese

Redazione ViaggiareItalia

Voci e suoni alla Reggia di Venaria dal 2 al 4 giugno 2023

lara

Guida di viaggio a Vercelli

Redazione ViaggiareItalia

Scrivi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.