VenetoViaggiare

“La penultima parola” dal 14 al 27 gennaio 2024, Artespaziotempo, Venezia

L’artista Claudia De Luca torna a Venezia presso artespaziotempo con una nuova mostra a cura di Lucrezia Caliani.

L’artista, procedendo per sottrazione e secondo un andamento rizomatico, si muove in un sistema “sotterraneo” che offre uno sguardo su una realtà invisibile. Le opere in mostra, circa una ventina, invitano lo spettatore a penetrarvi a fondo, scrutando ciò che si nasconde dietro la prima impressione, per arrivare a quello che non è apparentemente visibile. Quale verità è assoluta? La realtà non è piuttosto un fatto di prospettive? Muovendosi tra queste domande, la mostra personale di Claudia De Luca traccia un percorso che spinge a svelare segni e significati nascosti.

CLAUDIA DE LUCA La penultima parola dal 14 al 27
Photo Credits: Ufficio stampa

Aprono l’esposizione gli sfondi nero pece della serie Ouverture che, così come nelle opere Costellazione, Carsico e Vortici, abituano l’occhio dell’osservatore all’informe, all’indistinto, alla noia di un’apparente neutralità monocromatica per poi aprirsi d’improvviso a inattesi squarci di colore e lampi di luce. Come fulminee rotture della superficie, queste lacerazioni permettono all’occhio di scendere più in profondità, osservando ciò che fino a quel momento non riusciva a vedere.

La stessa iniziale difficoltà a discernere si ritrova anche nella serie di lavori intitolati Stratificare, in cui i confini della tarlatana dipinta, un tessuto imprescindibile e ricorrente nelle opere di Claudia De Luca che lo utilizza come elemento di cura, svaniscono e si confondono con quelli della parete, sfumando così il limite tra materia e segno pittorico e annullando ogni rimando spaziale e temporale.

Solo scavalcando l’impressione apparente, il visitatore può percepire il confine tra verità e finzione, illusione e reale, sogno e veglia, che domina nelle opere in mostra.

Lo stesso limite, instabile e soffuso, che si ritrova in Siparium 1 e Siparium 2 in cui l’atto di discostare la quinta teatrale introduce chi guarda a un mondo altro e lo prepara ad una finzione scenica che forse è più reale della realtà stessa. Come in un teatro onirico, le opere legate al tema del sipario fanno intravedere ciò che è velatamente nascosto, un velo di Maya che si sfila e si decompone evidenziando ciò che resta spesso nascosto e silente. Nel caso delle opere di Claudia De Luca, i sipari si aprono per dar corpo alla vita e osservare, senza paura, l’altra metà dell’incedere umano.

Ciò ci fa comprendere come quello dell’identità, nei suoi canonici attributi di unitarietà e stabilità, sia un concetto meramente illusorio.

“In questa continua traduzione di noi, risulta impossibile aprirsi chiaramente al mondo e farsi trasparenti in modo assoluto – afferma la curatrice della mostra Lucrezia Caliani – La nostra identità è sfumata, opaca, come quella dei profili femminili delle due Female blues, in cui la mancanza dei tratti identitari è rappresentazione autentica del loro essere in fieri. Questo processo di ricerca e affermazione di sé comporta anche un certo grado di opposizione alle norme sociali e perciò l’illusione di essere enti separati e individualizzati – come Animali notturni – alienati e frammentati”.

Il percorso della mostra si conclude con La penultima parola, un’anatomia geografica onirica e visionaria, un mondo non abitabile, senza inizio e senza fine. Qui il visitatore arriva ma da qui subito riparte. È un invito a riconsiderare tutto ciò che diamo per scontato e definitivo. L’artista Claudia De Luca spinge lo spettatore a ripensare le sue ultime parole che, in fondo, sono sempre le penultime.

CLAUDIA DE LUCA

Pescarese di origine, si laurea in Storia Contemporanea presso l’Università di Lettere e Filosofia di Bologna e in Comunicazione e Didattica dell’Arte presso l’Accademia di Belle Arti di Bologna. Dal 2012 accompagna l’attività dell’insegnamento di filosofia e storia alla pratica artistica esponendo in mostre e collaborando a progetti editoriali di arte e letteratura.

LUCREZIA CALIANI

Nata a Firenze, dopo la laurea in Storia dell’Arte presso l’Università degli Studi di Firenze con una tesi di Critica d’arte e un corso di perfezionamento post-laurea in Economia e management dei Beni Culturali, svolge un traineeship post laurea presso l’associazione per lo studio e la ricerca sul surrealismo Apres di Parigi e un master in pratiche curatoriali presso Paratissima Torino.

Attualmente scrive per la rivista d’arte «Noi Caffè Michelangiolo» e per la sezione di arte contemporanea, mostre e street art della rivista FUL Magazine per cui ha collaborato anche alla pubblicazione di Firenze Street Art, la prima monografia dedicata alla street art fiorentina. Come indipendent curator ha curato la mostra di Mavilla, Il fruscio assordante della vita (Firenze 2019), ha fondato e curato la residenza d’artista SILENTE |SAV e l’omonima mostra (Firenze 2022), la personale di Elisabetta Cameli La nascita di mille inferni (Dozza 2023) e la collettiva Ecdisi. Le infinite mute dell’animo all’interno della sezione N.I.C.E. & FAIR di Paratissima 2023 (Torino 2023).

INFORMAZIONI MOSTRA

CLAUDIA DE LUCA La penultima parola

a cura di Lucrezia Caliani

14 – 27 gennaio 2024

Opening: sabato 13 gennaio dalle ore 18.00

Orari: da martedì a sabato 10.00/13.00 – 14.00/18.00

Spazio espositivo artespaziotempo
Campo del Ghetto Nuovo Cannaregio 2877, Venezia
servizi@artespaziotempo.it

Articoli correlati

Formaggi & Sorrisi, cheese & friends festival a Cremona

lara

Un itinerario ad Assisi

Redazione ViaggiareItalia

Festival Franciacorta in Versilia il 19 giugno 2023

lara

Scrivi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.