Avellino e l’Irpinia

La provincia è definita come “Verde Irpinia”, per la presenza di montagne e siti naturalistici di notevole importanza anche comunitaria, si estende su una superficie di circa 2.800 Kmq occupati per i due terzi da montagne e da colline per il restante teritorio; assenti quasi del tutto le aree di pianura.
Le principali catene montuose sono quelle del Terminio e del Partenio: nel gruppo del Terminio (o dei monti Picentini) si trova la vetta più alta della provincia: il Cervialto (1809 metri s.l.m.). I principali fiumi sono il Sele, l’Ofanto, il Calaggio, il Cervaro e il Calore con il suo affluente Sabato.
La interessano 2 Parchi Regionali (Parco dei Monti Picentini e Parco del Partenio), 2 oasi WWF: Valle della Caccia a Senerchia e la zona umida della diga dell’invaso del fiume Ofanto a Conza della Campania. Inoltre 20 SIC ed altre aree protette per la flora.

Su zerodelta.net si trova una buona pagina dedicata a una bella zona dell’Italiano probabilmente non molto conosciuta e sicuramente non abbastanza apprezzata.

Parla alla tua mente

*