CampaniaGuide di viaggio

Avellino e l’Irpinia

La provincia è definita come “Verde Irpinia”, per la presenza di montagne e siti naturalistici di notevole importanza anche comunitaria, si estende su una superficie di circa 2.800 Kmq occupati per i due terzi da montagne e da colline per il restante teritorio; assenti quasi del tutto le aree di pianura.
Le principali catene montuose sono quelle del Terminio e del Partenio: nel gruppo del Terminio (o dei monti Picentini) si trova la vetta più alta della provincia: il Cervialto (1809 metri s.l.m.). I principali fiumi sono il Sele, l’Ofanto, il Calaggio, il Cervaro e il Calore con il suo affluente Sabato.
La interessano 2 Parchi Regionali (Parco dei Monti Picentini e Parco del Partenio), 2 oasi WWF: Valle della Caccia a Senerchia e la zona umida della diga dell’invaso del fiume Ofanto a Conza della Campania. Inoltre 20 SIC ed altre aree protette per la flora.

Su zerodelta.net si trova una buona pagina dedicata a una bella zona dell’Italiano probabilmente non molto conosciuta e sicuramente non abbastanza apprezzata.

Articoli correlati

I parchi del Friuli Venezia Giulia

Redazione ViaggiareItalia

Viareggio

Redazione ViaggiareItalia

Un itinerario nella città di Milano

Redazione ViaggiareItalia

Scrivi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.