Grandi eventi e cultura spingono il turismo sul territorio

Turismo TrentoTrento, Monte Bondone, Valle dei Laghi grandi eventi e cultura spingono il turismo sul territorio Nel 2014 da gennaio a luglio arrivi + 8% e presenze + 2% mentre  giugno – luglio arrivi + 5% e presenze sostanzialmente stabili.

Sono l’offerta culturale di qualità e i grandi eventi sportivi i punti di forza del turismo dell’ambito di Trento Monte Bondone e Valle dei Laghi. Puntando su questi assi strategici il territorio è riuscito a limitare gli effetti negativi di un’estate dal meteo particolarmente instabile e piovoso, superando anche le criticità di un contesto economico ancora sfavorevole sul piano dei consumi: giugno e luglio confermano gli eccellenti risultati raggiunti lo scorso anno, registrando negli esercizi alberghieri ed extralberghieri un incremento degli arrivi che sfiora il 5% per un totale di 57.245 turisti, mentre le presenze sono sostanzialmente stabili (-0,8%), con 189.375 pernottamenti. Un trend positivo che si estende, visti i dati, anche ai primi sette mesi del 2014: negli hotel tra gennaio e luglio gli arrivi sull’ambito sono stati 125.570 arrivi pari a +7,63% e 278.464 presenze per +1,91%. Il dato alberghiero sommato ad arrivi e presenze delle strutture extralberghiere conferma il trend positivo: i dati complessivi del periodo gennaio – luglio 2014 negli esercizi ricettivi hanno registrato un totale di 159.248 arrivi (+6,80%) e 558.041 presenze (+1,90%), divisi fra 97.694 arrivi (+7,18%) e 370.048 presenze dall’Italia (+0,69%) e 61.554 arrivi (+6,18%) e 187.993 (+4,37%) presenze dall’estero. La permanenza media è pari a 3,5 giornate vacanza.

La nostra proposta turistica si è strutturata con sempre maggiore convinzione su grandi eventi sportivi di qualità, come la Leggendaria Charly Gaul, e su un’offerta culturale eccellente, che ha trovato un’ulteriore importante valorizzazione con il MUSE – ammette Elda Verones, direttrice dell’APT Trento, Monte Bondone, Valle dei Laghi -. Lo dimostrano i dati turistici nell’immediato, ma non solo. Eventi importanti generano anche una formidabile promozione dell’immagine del nostro territorio, un investimento nel medio termine che consolida la nostra attrattività turistica. I punti di forza della nostra estate restano anche la vacanza a misura di famiglia sul Monte Bondone e l’offerta enogastronomica in Valle dei Laghi”.

Quest’anno la Leggendaria Charly Gaul Trento Monte Bondone ha superato le 2.500 iscrizioni , generando circa 15.000 presenze per la settimana della manifestazione. A ciò si aggiungono le circa 3.000 presenze per la Transalp che sommate alle precedenti equivalgono a circa il 15% delle presenze hotel + extra del mese di luglio. Notevole l’indotto generato negli hotel, nei ristoranti, nei musei, nei servizi e nelle aziende locali oltre all’importante visibilità ottenuta sui media. Sono stati pubblicati circa 60 articoli sulla stampa locale e oltre 1.000 su web, 100 sulla stampa nazionale. Senza dimenticare i dati degli ascolti televisivi: la gran fondo e l’intero ambito hanno avuto grande visibilità su RAISPORT2 con un calcolo medio di circa 3 milioni di telespettatori totali.

Sul piano dell’offerta culturale MUSE, il Castello del Buonconsiglio e la tematica della Grande Guerra con le mostre a Le Gallerie hanno dimostrato di suscitare grande interesse tra i turisti. Moltissimi, soprattutto tra gli italiani, sfruttando anche i vantaggi offerti dalle Guest Card TRENTINO e TRENTO ROVERETO CARD, hanno scelto di inserire queste visite nella loro vacanza. Gli stranieri, invece, hanno dimostrato interesse soprattutto l’area archeologica del Sas, il centro storico, Duomo, Museo Diocesano e Castello del Buonconsiglio.

TRENTO

Per quanto riguarda la città di Trento l’andamento nei mesi di giugno e luglio è in crescita sia per il settore alberghiero che per il comparto extralberghiero che insieme totalizzano 42.900 arrivi (+5%) e 117.565 presenze (+1,58%). Per i mesi di giugno e luglio sono in particolare gli arrivi e le presenze straniere a spingere la città del Concilio a migliorare la propria perfomance con 23.143 arrivi (+ 9,28) e 44.107 presenze (+1,67%).

Il settore alberghiero a Trento da solo contribuisce con 35.804 arrivi (+4,87%) e 64.312 presenze (+1,5%), pari ad una permanenza media di circa 2 notti. I turisti stranieri hanno superato i connazionali: 20.053 arrivi dall’estero contro 15.751 arrivi dall’Italia e 33.113 presenze da oltre confine contro 31.199 presenze italiane (quasi il 60% di stranieri).

Nel periodo giugno e luglio i primi posti nelle provenienze italiane sono Veneto, Lombardia e Lazio, mentre Umbria e Valle d’Aosta sono le regioni italiane con il maggior incremento percentuale rispettivamente + 51% e +79%. Per quanto riguarda l’estero, la Germania con quasi 12.000 presenze si conferma regina dei mercati esteri coprendo un 35% del totale dei pernottamenti stranieri, seguita da Svizzera, Paesi Bassi, Stati Uniti d’America, Austria e Gran Bretagna.

MONTE BONDONE

Gli arrivi negli hotel del Monte Bondone nei mesi di giugno e luglio crescono del 9,84% mentre le presenze registrano una leggera flessione contenuta entro il 5%, dovuta peraltro ad una riduzione dei giorni di vacanza dei turisti italiani legati maggiormente alle previsioni meteo. I dati registrati sulla montagna di Trento sono pari rispettivamente a 6.376 arrivi e 20.390 presenze. Anche in questo caso particolarmente interessanti le provenienze dall’estero con 3.312 arrivi e 11.148 presenze che costituiscono il 55% delle presenze complessive (gli stranieri sono legati anche ai grandi eventi sportivi come la Leggendaria Charly Gaul). Dal 2012 al 2014 per gli stessi mesi gli arrivi sono aumenti di 2.000 unità mentre le presenze addirittura di 5.000 unità.

L’andamento è ancor più positivo se si considera che nei primi due mesi dell’estate del 2013, il Monte Bondone ha già visto aumentare decisamente sia gli arrivi che le presenze rispettivamente del +33% e +37%. Negli hotel del Monte Bondone, le principali provenienze italiane sono Lombardia, Veneto e Emilia Romagna. Per l’estero la Germania è al primo posto (7.246 presenze) seguita da Paesi Bassi e Danimarca.

VALLE DEI LAGHI

A giugno e luglio arrivi e presenze crescono anche negli alberghi della Valle dei Laghi rispettivamente del 6,10% (2.048 arrivi) e del 2,70% (4.775 presenze). Anche in questo caso importante il contributo estero con 1.101 arrivi (+16,14%) e 2.702 presenze (+21,38%).

Considerando anche il settore extralberghiero e i campeggi gli arrivi raggiungono le 5.426 unità (+4,85%), mentre le presenze subiscono una leggerissima flessione (-1%) per un totale di 35.012 pernottamenti.

Gli italiani provengono principalmente da Veneto, Lombardia, Lazio ed Emilia Romagna, gli stranieri da Germania, Paesi Bassi, Belgio e Austria.

Speak Your Mind

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.