Puglia

Bari

bari_stemmaBari, è una città ricca di luoghi e costruzioni storiche come il borgo antico, il Castello Svevo, il piazzale Mercantile, il Palazzo del Sedile, la Colonna della Giustizia; caratteristiche anche le strade strette fra edifici con muri imbiancati a calce. Notevoli le splendide coste della provincia, come Polignano a Mare e Monopoli. A nord di Bari si trova Giovinazzo, famosa per il suo porto Vecchio ed i Cantieri Navali, Molfetta con la Torre Calderina, la Chiesa di San Corrado, la Chiesa di Santo Stefano e del Purgatorio, il Calvario e la Cattedrale; Barletta, famosa per il colosso di bronzo, la Cattedrale ed altri antichi palazzi. Nell’entroterra il paesaggio è agreste, caratterizzato da una folta vegetazione di mandorli e ulivi che prospera su un terreno carsico. Impossibile non citare inoltre i ‘trulli’ di Alberobello, caratteristiche dimore, dichiarate dall’UNESCO Patrimonio Mondiale dell’Umanità.
Come la maggior parte delle città italiane anche Bari è ricca di chiese che meritano di essere visitate, ne segnaliamo alcune tra le tante:

Chiesa di San Giacomo: situata sul lato destro di Piazza Federico II di Svevia, ha una facciata sobria, in pietra bianca. Particolare il campanile romanico, coronato da una cupoletta barocca a cipolla. All’interno é possibile ammirare opere pregevoli fra cui i coretti lignei, l’altare maggiore in marmi policromi del XVIII secolo, e le due acquasantiere marmoree con il simbolo della colomba (XVIII sec.). Degno di attenzione é il pavimento del 1700 in mattonelle di terracotta, opera di artigiani locali. Nella chiesa vi sono inoltre tele di Paolo de Matteis (XVIII sec.) e di Ludovico Vaccaro.

Chiesa di Santa Scolastica: sulla destra di Piazza San Pietro si trova il Bastione di Santa Scolastica. L’origine del nome é dovuta ad un monastero omonimo già esistente in questi luoghi. Ciò che rimane dell’antico bastione sono alcune fabbriche adibite a sede di istituzioni culturali e la chiesa di Santa Scolastica. L’esterno è in stile barocco settecentesco. Sul portale é posta la statua in pietra di San Benedetto. All’interno é possibile ammirare l’altare maggiore realizzato in pregiati marmi policromi e l’antico pavimento in terracotta a disegni geometrici floreali.

Cattedrale di San Sabino: la cattedrale barese venne edificata nel 1043 sulle rovine della chiesetta di S.Maria. L’attuale struttura è però il frutto di una ricostruzione avvenuta nel 1156 quando le truppe normanne guidate dal re Guglielmo detto “il Malo” irruppero nella città. La facciata è caratterizzata dalla particolare compresenza di elementi medievali e seicenteschi.
L’interno basilicale si presenta a tre navate con un notevole presbiterio separato dal resto della chiesa.
Sempre all’interno della cattedrale si trovano il pregiato dipinto de L’Assunta (attribuito a Francesco de Mura),il ciborio duecentesco di Alfano da Termoli e la cripta. Quest’ultima, sfuggita alla furia normanna, ospita le reliquie del Santo e l’icona della Madonna Odegitria, venuta dall’Oriente nel secolo VIII.

Chiesa di Santa Maria del Buonconsiglio: singolare basilica a cielo aperto nel borgo antico, caratterizzata da due file di colonne con basi e capitelli, interrotte al centro da pilastri.

Chiesa di San Marco: la chiesetta, posta tra San Nicola e la Cattedrale, fu il centro spirituale della fiorente colonia di veneziani residenti a Bari durante il medioevo. Degni di nota sono la facciata in stile romanico, il portale con decorazioni a grani di rosario ed il leone alato. Interessante anche il rosone a raggiera con al centro il Leone di San Marco che è purtroppo attualemente coperto perché in precarie condizioni.

Chiesa di San Ferdinando: si erge nella elegante via Sparano. Edificata per volere dei sovrani borbonici del regno delle due Sicilie, presenta un suggestivo interno in stile neo-classico, ingentilito dai pregiati e sobri dipinti raccolti nelle navate.

Chiesa di San Gregorio: è senza dubbio una delle meglio conservate di epoca bizantina. La facciata mostra un portale a grani del rosario, motivo che si ripete nel finestrone absidale. L’interno é suddiviso in tre navate. Degni di rilievo sono un crocifisso ligneo del XVIII secolo e un affresco raffigurante S. Antonio.

Articoli correlati

Locus Festival

Redazione ViaggiareItalia

La Festa di Sant’Oronzo

Redazione ViaggiareItalia

Gastronomia brindisina

Redazione ViaggiareItalia

Scrivi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.