Guide di viaggioSicilia

Viaggio a Messina: la storia e la cultura della città dello Stretto

Perché visitare Messina?

Messina è una città siciliana affacciata sullo Stretto di Messina, la porzione di mare che separa la Sicilia dalla Calabria. Con una storia millenaria, la città è stata influenzata da diverse civiltà, come i Greci, i Romani, i Normanni e i Borboni, che hanno lasciato un’impronta culturale e artistica tuttora visibile nelle sue strade, nei suoi edifici e nei suoi monumenti.
Visitare Messina significa immergersi in un’atmosfera unica, fatta di cultura, storia, arte e natura. La città vanta infatti una serie di attrazioni turistiche che spaziano dalle sue chiese e musei, alle sue piazze e vie dello shopping, fino alle meravigliose spiagge della costa messinese.
Tra le ragioni per visitare Messina, spiccano sicuramente la bellezza del suo centro storico, con la sua architettura barocca e i suoi monumenti, come la Fontana di Orione, il Duomo di Messina e la Chiesa di Santa Maria degli Alemanni. Inoltre, la città offre una vasta scelta di ristoranti e bar, dove gustare la deliziosa cucina siciliana, tra cui spiccano i famosi arancini, i cannoli e i gelati.
Infine, Messina rappresenta anche un’ottima base per visitare le altre città e le attrazioni della Sicilia orientale, come Taormina, Siracusa e l’Etna, il vulcano attivo più alto d’Europa.

Arrivo a Messina
Image by fotografia from Pixabay

Come arrivare a Messina: mezzi di trasporto e percorsi consigliati

Messina è ben collegata con il resto della Sicilia e con le principali città italiane. Ecco le principali opzioni per raggiungere Messina:

  • In aereo: l’aeroporto più vicino a Messina è l’aeroporto di Catania-Fontanarossa, che dista circa 100 km dalla città. Dall’aeroporto è possibile prendere un autobus o un treno per raggiungere Messina.
  • In treno: Messina è una delle principali stazioni ferroviarie della Sicilia, con treni diretti che la collegano alle principali città italiane. Da Palermo il viaggio in treno dura circa 4 ore, da Catania circa 1 ora e mezza.
  • In autobus: Messina è raggiungibile in autobus da molte città italiane. Le principali compagnie di autobus che operano in Sicilia sono Interbus e SAIS.
  • In macchina: Messina si trova all’estremità nord-orientale della Sicilia ed è raggiungibile attraverso l’autostrada A20, che collega la città con Palermo e Catania. È possibile noleggiare un’auto presso gli aeroporti di Catania e Palermo.

Una volta arrivati a Messina, il modo migliore per muoversi in città è a piedi o con i mezzi pubblici. La città dispone di una rete di autobus urbani che collegano le diverse zone della città e il suo porto con le località circostanti. Inoltre, Messina è ben servita da treni regionali e regionali veloci, che collegano la città con le principali località della Sicilia e della Calabria.

Cosa vedere a Messina

La città di Messina offre numerose attrazioni turistiche che vale la pena visitare durante una gita. Ecco alcune delle principali:

  • La Cattedrale di Messina: dedicata a Santa Maria Assunta, è il principale luogo di culto della città e uno dei monumenti più rappresentativi dell’arte normanna-sveva in Sicilia. Costruita nel XII secolo, la cattedrale subì gravi danni a causa del terremoto del 1908, ma fu poi completamente restaurata.
  • Il Duomo di Messina: situato nella centrale Piazza del Duomo, il Duomo di Messina è un importante esempio di architettura barocca. La sua facciata è caratterizzata da un orologio astronomico, considerato uno dei più grandi e complessi del mondo.
  • La Fontana di Nettuno: situata nella stessa piazza del Duomo, la Fontana di Nettuno è un’opera barocca del XVII secolo, realizzata dallo scultore Giovanni Angelo Montorsoli. La fontana rappresenta il dio del mare Nettuno che combatte contro un mostro marino.
  • Il Santuario della Madonna di Montalto: situato sulla collina di Montalto, a circa 400 metri sul livello del mare, il Santuario della Madonna di Montalto è un luogo di culto molto antico e molto amato dai messinesi. Si dice che qui la Madonna sia apparsa a un pastore nel 1182. La chiesa attuale, risalente al XVII secolo, è un esempio di architettura barocca.
  • La Chiesa della Santissima Annunziata dei Catalani: situata nella zona nord di Messina, la chiesa è un esempio di architettura arabo-normanna. Costruita nel XII secolo, subì diversi danni a causa dei terremoti e fu poi restaurata.
  • Il Museo regionale di Messina: il museo ospita numerose opere d’arte e reperti archeologici provenienti da tutta la Sicilia. Tra le opere più importanti ci sono la Vara, un grande carro allegorico utilizzato durante la processione del Venerdì Santo, e la Madonna della Lettera, un’icona bizantina molto venerata dai messinesi.
  • Il Castello di Messina: costruito nel XIII secolo, il castello è situato sul lungomare di Messina. Nel corso dei secoli, ha subito diverse trasformazioni e restauri, ma è ancora possibile ammirare alcune delle torri originali e le mura difensive.
  • Il Teatro Vittorio Emanuele II: situato nella centrale Piazza Stesicoro, il Teatro Vittorio Emanuele II è un importante esempio di architettura neoclassica. Costruito nel XIX secolo, è stato oggetto di diversi restauri e oggi è uno dei teatri più belli e prestigiosi della Sicilia.
La fontana del Nettuno
La fontana del Nettuno Ruben Sottilotta, CC BY-SA 4.0, via Wikimedia Commons

 Dove alloggiare a Messina: i quartieri migliori e le opzioni di alloggio disponibili

La città offre diverse opzioni di alloggio, dalle sistemazioni più economiche alle strutture di lusso, dai B&B alle catene alberghiere internazionali. Inoltre, la scelta del quartiere giusto può fare la differenza in termini di comodità e accessibilità alle principali attrazioni turistiche della città.
Il centro storico di Messina, con i suoi edifici storici e le sue piazze, è sicuramente la zona più affascinante dove alloggiare. Qui si trovano alcune delle opzioni di alloggio più belle e caratteristiche della città, come gli alberghi boutique e i B&B in edifici storici ristrutturati. Inoltre, soggiornando in centro si ha la possibilità di muoversi a piedi e raggiungere facilmente le principali attrazioni turistiche della città, come la Cattedrale, la Fontana di Nettuno e la Chiesa della Santissima Annunziata dei Catalani.
Un altro quartiere popolare tra i turisti è quello del porto, situato a pochi passi dal centro storico. Qui si trovano numerosi hotel e appartamenti vacanze con vista sul mare e accesso diretto alla spiaggia. In questa zona si possono anche trovare diverse opzioni di ristoranti e bar, perfetti per gustare la cucina locale e trascorrere piacevoli serate.
Per chi cerca un’opzione più economica, il quartiere di San Berillo può essere una scelta interessante. Si tratta di un quartiere residenziale, situato a circa 10-15 minuti a piedi dal centro storico, dove si trovano alcune opzioni di alloggio economiche come ostelli e appartamenti in affitto.
Infine, per chi cerca un’opzione di lusso, il quartiere di Scilla è sicuramente la scelta migliore. Qui si trovano alcune delle più prestigiose catene alberghiere internazionali e resort di lusso, con servizi esclusivi come piscine, spa e ristoranti stellati.

Cosa fare a Messina: le attività più divertenti e le esperienze da non perdere

Se hai deciso di trascorrere una giornata o qualche giorno a Messina, avrai a disposizione numerose attività e esperienze da vivere. Ecco alcune idee su cosa fare durante la tua visita:

  1. Ammirare il Duomo di Messina: il Duomo di Messina è il simbolo della città, con la sua imponente facciata in stile barocco e la campana più grande del mondo, detta “la morta”. All’interno potrai ammirare numerose opere d’arte e affreschi che raccontano la storia della città.
  2. Esplorare il Museo Regionale: il Museo Regionale di Messina ospita una vasta collezione di reperti archeologici, opere d’arte e manufatti risalenti all’epoca greca e romana. Tra i tesori del museo, potrai ammirare la famosa “testa di cavallo” di Fontana del Ratto di Proserpina, proveniente dal Palazzo del Principe di Biscari.
  3. Passeggiare lungo il lungomare: il lungomare di Messina, conosciuto come “La Diga”, offre una splendida vista sullo Stretto di Messina e sulle montagne della Calabria. Potrai passeggiare tra i tanti chioschi e ristoranti che animano la zona, oppure goderti una serata in compagnia ammirando il panorama.
  4. Visitare il Santuario della Madonna di Montalto: il Santuario della Madonna di Montalto si trova sulla collina di Montalto, a pochi chilometri dal centro di Messina. La chiesa è un importante luogo di culto per la città, ma anche una meta turistica per la vista panoramica che offre sullo Stretto e sulla città.
  5. Scoprire la Riserva Naturale Orientata dello Stretto di Messina: la Riserva Naturale Orientata dello Stretto di Messina è un’area protetta che si estende lungo la costa dello Stretto. Qui potrai ammirare la flora e la fauna locale, fare escursioni e goderti le spiagge e le calette nascoste tra le scogliere.
  6. Visitare il Castello di Federico II: il Castello di Federico II si trova a pochi chilometri dal centro di Messina, sulla collina di San Salvatore. Il castello è stato costruito dall’imperatore Federico II nel XIII secolo ed è uno dei monumenti storici più importanti della città.
  7. Gustare la cucina messinese: la cucina di Messina è caratterizzata da piatti semplici e genuini, come la pasta alla Norma, la caponata, la sarde a beccafico e il gelato al pistacchio. Non perderti l’occasione di gustare queste specialità presso i numerosi ristoranti e trattorie della città.
  8. Dolci siciliani
    Image by DianaRuff from Pixabay

Dove mangiare a Messina: i ristoranti più famosi e i piatti tipici da assaggiare

Mangiare a Messina è un’esperienza culinaria unica. La città è famosa per la sua cucina tradizionale, che si basa sui sapori del mare e della montagna. Tra i piatti tipici ci sono la pasta con le sarde, un primo piatto a base di pasta con sarde fresche, pinoli, uvetta, cipolle, finocchietto selvatico e pane grattugiato; la frittata di maccheroni, un piatto a base di pasta, uova, salumi, formaggio e pomodoro; e la pesca alla ghiotta, un secondo piatto a base di pesce fresco, pomodoro, cipolla, olive verdi, patate e prezzemolo.
Per assaggiare queste prelibatezze e molte altre, Messina offre una vasta scelta di ristoranti e trattorie. Uno dei posti migliori dove mangiare a Messina è sicuramente il ristorante “La Capannina“, situato sulla collina di San Raineri. Questo ristorante offre una vista panoramica sulla città e sul mare, e serve piatti tipici siciliani e mediterranei con ingredienti freschi e di alta qualità.
Per un’esperienza più informale, si possono provare i chioschi che si trovano lungo il lungomare, dove si possono gustare panini con pesce fresco o le famose arancine, palline di riso ripiene di ragù, mozzarella e piselli, fritte e croccanti.
Per chi ama la pizza, il ristorante “L’Antica Pizzeria da Michele” è un must. Qui si possono gustare le pizze napoletane cotte nel forno a legna, con ingredienti freschi e di alta qualità.
Inoltre, per chi vuole provare il meglio della cucina siciliana in un’unica esperienza, c’è il mercato del pesce, dove si possono acquistare i frutti di mare freschi del giorno e farli preparare al momento dai chioschi presenti all’interno del mercato.

Escursioni nei dintorni di Messina: le mete più belle per le gite fuori porta

La città di Messina offre un’ampia gamma di possibilità per escursioni nei suoi dintorni. Ecco alcune delle mete più belle per le gite fuori porta:

  1. Il promontorio di Capo Peloro – Si trova alla punta nord-orientale della Sicilia ed è un’area naturale protetta di grande interesse paesaggistico. Qui si possono fare lunghe passeggiate lungo il mare o attraverso la vegetazione mediterranea.
  2. Taormina – Questa pittoresca città sulla costa ionica è una delle destinazioni turistiche più famose della Sicilia. Il suo centro storico è un labirinto di stradine, chiese, palazzi e negozietti d’artigianato. Da Taormina si possono ammirare panorami mozzafiato sul mare e sul vulcano Etna.
  3. Isole Eolie – Situate a nord di Messina, le Isole Eolie sono un arcipelago vulcanico che comprende sette isole, ciascuna con caratteristiche uniche. Lipari, la più grande, è un centro turistico ben attrezzato, mentre Salina è rinomata per la sua bellezza naturale. Vulcano, invece, è famosa per la sua attività vulcanica.
  4. Il Santuario della Madonna di Tindari – Si trova sulla costa nord della Sicilia, a circa un’ora di macchina da Messina. Il santuario è situato su una collina da cui si può ammirare un bellissimo panorama sul mare. Qui si trova anche l’antica città greca di Tindari, con il suo teatro e il suo acquedotto.
  5. Il Parco dei Nebrodi – Situato a nord di Messina, il Parco dei Nebrodi è una vasta area naturale che comprende montagne, boschi, laghi e fiumi. Qui si possono fare escursioni a piedi o in mountain bike, oppure visitare borghi medievali come Castell’Umberto e San Marco d’Alunzio.

Queste sono solo alcune delle mete più belle per le escursioni nei dintorni di Messina. La città è circondata da una natura mozzafiato che offre molte possibilità per escursioni e attività all’aria aperta.

Articoli correlati

La gastronomia della Ciociaria

Redazione ViaggiareItalia

Un itinerario fiorentino

Redazione ViaggiareItalia

Arezzo: una città da scoprire in una gita indimenticabile

lara

Scrivi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.