Un itinerario nella città di Milano

IL DUOMO – CATTEDRALE
E’ il più straordinario esempio di architettura tardo gotica italiana, oltre che terza chiesa cattolica del mondo per dimensione (dopo la basilica di S.Pietro in Vaticano e il Duomo di Siviglia), può ospitare 40.000 persone.
Iniziato nel 1386 per desiderio di Gian Galeazzo Visconti, sorge sul luogo della basilica altomedievale di S. Maria Maggiore. Per la sua costruzione fu impiegato il marmo proveniente dal lago Maggiore che veniva trasportato su chiatte lungo il Ticino, poi attraverso il Naviglio Grande, fino ad una darsena che doveva trovarsi in corrispondenza dell’attuale via Laghetto.
La guglia più alta arriva a 108.5 metri ed è quella sormontata dalla statua della “Madonnina” rivestita di 3900 lamine d’oro. E’ possibile visitare il tetto del Duomo, luogo di singolari passeggiate tra le guglie (che sono ben 145) e da dove si possono ammirare suggestivi panorami della città. All’interno della cattedrale scendendo sotto il sagrato del Duomo, si trovano i resti del Battistero di S. Giovanni alle Fonti, punto di partenza per una fugace, ma interessante visita a quanto rimane della Milano romana. Nel vicino Palazzo Reale si trova il Museo del Duomo, completato e rinnovato, che ospita documenti sulla costruzione della cattedrale e opere d’arte originariamente appartenute al Duomo e ricoverate nel museo per evitare che intemperie e smog le rovinassero (sul Duomo sono state collocate perfette copie).
La salita alle terrazze è possibile dalle 9.00 alle 17.20; dal 2 novembre al 2 febbraio dalle 9.00 alle 16.20; il costo della visita è di 4,00 euro per la salita a piedi e 6,00 euro per la salita in ascensore.

PALAZZO REALE
Lo splendido edificio di Palazzo Reale, antica reggia dei sovrani di Milano, si trova proprio nel cuore della città, a fianco del Duomo. La sua antica storia, la raffinatezza architettonica e la centralità lo rendono particolarmente adatto all’allestimento di mostre temporanee di grande richiamo, che vengono organizzate nelle sue prestigiose sale affrescate e stuccate.
La sobria facciata in stile neoclassico è abbellita da un attico e da due ali laterali; l’aspetto odierno è il rusultato di numerosi rimaneggiamenti, ricostruzioni: sorge sulle spoglie del palazzo del Broletto Vecchio, prima sede del Comune, poi modificato in tappe successive dalla famiglia Visconti e dagli Sforza. rielaborato sostanzialmente dal Piermarini nel 1772, fu gravemente danneggiato dai bombardamenti sulla città della Seconda Guerra Mondiale ed in seguito lasciato abbandonato per molti anni.

PALAZZO DI BRERA
Iniziato nel 1651 dal Richini dove un tempo vi era un convento degli “Umiliati”,  l’imponente edificio fu terminato nel 1774: il Piermarini vi aggiunse nel 1780 un colossale portale. Al centro del cortile è collocato il bronzo di Napoleone I in veste di Marte pacificatore realizzato del 1809 su disegno di Antonio Canova.
Proprietà degli Umiliati nel XIV secolo e dei Gesuiti dal 1512 al 1772 divenne poi sede di un’Accademia di Belle Arti aperta nel 1803, ampliata ed inaugurata ufficialmente nel 1809 che sorse accanto all’Osservatorio Astronomico e alla Biblioteca già fondata dai Gesuiti ed all’Orto Botanico.
Il palazzo è oggi sede della Pinacoteca di Brera (aperta nel 1803), dell’Accademia di Belle Arti, della Biblioteca Braidense e degli uffici dell’Osservatorio Astronomico e Metereologico.

Parla alla tua mente

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.