Lombardia

Il Sacro Monte di Varese – un percorso spirituale tra arte e natura

Il Sacro Monte di Varese è uno dei nove Sacri Monti prealpini presenti nel Nord Italia, inseriti nella lista dei Patrimoni dell’Umanità dell’UNESCO nel 2003. Situato sul colle di Santa Maria del Monte, a poca distanza dalla città di Varese, questo sito religioso è noto per il suo percorso di pellegrinaggio costituito da 14 cappelle dedicate ai misteri del Rosario, immerse in un contesto naturale di grande bellezza e suggestione.

Santa Maria del Monte
Santa Maria del Monte No machine-readable author provided. Diegos79 assumed (based on copyright claims)., CC BY-SA 3.0, via Wikimedia Commons

Storia del Sacro Monte di Varese

La fondazione del Sacro Monte di Varese risale al XVII secolo, quando il vescovo di Milano, San Carlo Borromeo, promosse la costruzione di un percorso di pellegrinaggio dedicato alla Vergine Maria. Il complesso fu realizzato grazie all’impegno di numerosi artisti e artigiani locali, che crearono un’opera d’arte di straordinario valore paesaggistico, architettonico e religioso.

Il percorso del Sacro Monte

Il percorso del Sacro Monte di Varese si sviluppa lungo una via di circa due chilometri, la Via Sacra, che si snoda tra boschi e prati e collega la città di Varese con il Santuario di Santa Maria del Monte. Lungo il cammino, si incontrano 14 cappelle, ognuna delle quali raffigura uno dei misteri del Rosario attraverso sculture e affreschi di grande qualità artistica.

Le cappelle sono realizzate in stile barocco e si caratterizzano per le loro facciate decorate con fregi e statue, che si integrano perfettamente con il paesaggio circostante. All’interno delle cappelle, le scene dei misteri del Rosario sono rappresentate da gruppi di statue a grandezza naturale, realizzate in terracotta e stucco, e da affreschi che coprono le pareti e le volte.

Il Santuario di Santa Maria del Monte

Al termine del percorso del Sacro Monte si trova il Santuario di Santa Maria del Monte, un edificio religioso di origine medievale che custodisce un’importante icona della Madonna, venerata sin dal XIII secolo. Il santuario è stato ampliato e modificato nel corso dei secoli e presenta oggi un interessante mix di stili architettonici, tra cui romanico, gotico e barocco.

Il Parco Regionale Campo dei Fiori

Il Sacro Monte di Varese è situato all’interno del Parco Regionale Campo dei Fiori, un’area protetta di grande interesse naturalistico e ambientale. Il parco offre numerosi sentieri e percorsi escursionistici, ideali per chi desidera immergersi nella natura e scoprire la ricca flora e fauna dell’area.

Varese, Monte Sacro, Cappella 8
Cristo coronato di spine, di Sacro Monte di Varese, CC BY-SA 3.0, via Wikimedia Commons

Come visitare il Sacro Monte di Varese

Il Sacro Monte di Varese è facilmente raggiungibile in auto o con i mezzi pubblici dalla città di Varese. La visita al complesso è gratuita, e lungo il percorso si trovano diversi punti di ristoro e aree pic-nic dove è possibile sostare e rilassarsi. Per chi preferisce una visita guidata, è possibile prenotare in anticipo contattando l’Ufficio Turistico di Varese o il Centro Visitatori del Parco Regionale Campo dei Fiori.

Eventi e manifestazioni

Durante l’anno, il Sacro Monte di Varese ospita diverse manifestazioni religiose e culturali, tra cui processioni, concerti e mostre d’arte. In particolare, nel mese di maggio si celebra la festa della Madonna del Monte, un’occasione speciale per partecipare a cerimonie religiose e momenti di condivisione con la comunità locale. Controllare il sito ufficiale è una buona idea per trovare eventi di interesse.

Conclusione

Il Sacro Monte di Varese è una meta imperdibile per chi visita la Lombardia, sia per il suo valore artistico e religioso, sia per l’incantevole contesto naturale in cui è immerso. Percorrendo la Via Sacra e ammirando le splendide cappelle che costellano il cammino, si vive un’esperienza spirituale e culturale unica, che permette di entrare in contatto con la storia, l’arte e la natura di questa affascinante regione italiana.

Articoli correlati

Impressionisti. Alle origini della modernità

Angela

Una gita a Monza: scopri la città dei Re e la sua storia millenaria

lara

L’Auditorium di Milano

Redazione ViaggiareItalia

Scrivi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.