Lazio

Il Tempio di Giove Anxur: un incontro tra passato e presente

Nel cuore della storica città di Terracina, sorge un monumento che testimonia la maestosità dell’antica architettura romana: il Tempio di Giove Anxur. Questo tempio, situato sulla cima del monte Sant’Angelo, domina la città e offre una vista mozzafiato sul mare Tirreno e sulla pianura circostante.

Ricostruzione de Il Tempio di Giove Anxur
Ricostruzione de Il Tempio di Giove Anxur Carole Raddato from FRANKFURT, Germany, CC BY-SA 2.0, via Wikimedia Commons

La Storia del Tempio di Giove Anxur

Il Tempio di Giove Anxur risale al I secolo a.C., durante l’età augustea. Il nome “Anxur” è un appellativo locale del dio Giove ed è legato alla lingua dei Volsci, antica popolazione italica stanziata in questa zona del Lazio. Il tempio era una parte importante del culto romano, e serviva come luogo di preghiera e di offerta ai dei.

Costruito su una piattaforma artificiale sostenuta da massicce arcate, il tempio è un capolavoro di ingegneria romana. La struttura complessa, con la sua serie di terrazze, colonne e scale, riflette la grandiosità dell’Impero Romano.

La Struttura del Tempio

La struttura del Tempio di Giove Anxur è caratterizzata da una serie di elementi architettonici. La cella, o sala principale di preghiera, è sostenuta da colonne corinzie. La facciata del tempio era adornata con un frontone decorato, oggi perduto.

Una delle caratteristiche più affascinanti del tempio è il criptoportico, un lungo corridoio semicircolare scavato nella roccia, utilizzato probabilmente per la conservazione delle offerte votive o come luogo di culto. La parte inferiore del tempio è costituita da una serie di arcate monumentali, che servivano a sostenere la piattaforma su cui sorgeva il tempio.

Il Tempio Oggi

Dopo secoli di abbandono e di saccheggi, il Tempio di Giove Anxur è stato sottoposto a numerosi interventi di restauro e di consolidamento. Oggi, il tempio è un sito archeologico di grande importanza e un’attrazione turistica molto popolare.

Passeggiando tra le rovine del tempio, è possibile immergersi nell’atmosfera dell’antica Roma e ammirare l’incredibile panorama. Dalla cima del monte Sant’Angelo, la vista spazia dalla città di Terracina, con il suo centro storico e il porto, fino alle isole Pontine e alla costa laziale.

Inoltre, il sito ospita un piccolo museo, dove sono esposti reperti archeologici trovati durante gli scavi, tra cui statue, iscrizioni e frammenti di decorazioni architettoniche.

Il Tempio e la Cultura Popolare

Il Tempio di Giove Anxur ha un posto di rilievo anche nella cultura popolare locale. Secondo una leggenda, il tempio sarebbe stato costruito da Anxur, un gigante figlio di Giove e di una ninfa. Un’altra leggenda narra che il tempio fosse la dimora di un serpente gigante, che ogni notte scendeva dal monte per nutrirsi nel mare.

Conclusione

Il Tempio di Giove Anxur rappresenta un prezioso testimonianza del passato romano e una tappa imperdibile per chi visita la città di Terracina. La sua maestosità, la sua storia e la sua posizione panoramica lo rendono un luogo unico, capace di far viaggiare il visitatore indietro nel tempo, nel cuore dell’antica Roma.

Il tempio è un simbolo di come l’ingegneria e l’arte romane si unissero per creare strutture di straordinaria bellezza e funzionalità, testimonianze di un passato che continua a vivere e a stupire anche nel presente.

Articoli correlati

BRONZO E ORO. Roma, Papa Innocenzo III: racconto immersivo di un capolavoro, a Roma

lara

Il Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia: tuffo nella Storia Antica

Redazione ViaggiareItalia

Trasimeno Music Festival 2017

Redazione ViaggiareItalia

Scrivi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.