Il Vomero e Capodimonte

Il quartiere del Vomero è nato nell’800, in una zona verde rinomata per i magnifici panorami sul Golfo. Oggi le villette in stile liberty sono affiancate da palazzi moderni e questo quartiere è fra i più vivaci di Napoli, ricco di possibilità di shopping. Il cuore del Vomero è piazza Vanvitelli, da cui è facile raggiungere Villa Floridiana, dono di Ferdinando di Borbone alla moglie morganatica Lucia Migliaccio, duchessa di
Floridia. La palazzina elegante, realizzata da Antonio Niccolini e circondata da un vasto parco con finti ruderi, viali sinuosi, prati e belvedere, ospita il Museo della Ceramica Duca di Martina. Il nucleo principale del museo è costituito dalle raccolte donate dagli eredi di Placido De Sangro, duca di Martina, appassionato collezionista di coralli, avori, tabacchiere e soprattutto porcellane e maioliche. Rilevanti le raccolte di porcellane di Capodimonte e dell’Estremo Oriente.

Da piazza Vanvitelli si può raggiungere (anche con scale mobili) la sommità della collina, su cui si trovano Castel Sant’Elmo e la Certosa di San Martino. Castel Sant’Elmo domina con la sua massa imponente il profilo della città. Con la vicina Certosa, è visibile da molti punti di Napoli. Questa massiccia fortezza fu costruita nel ‘300 da Roberto D’Angiò e completamente rifatta sotto il governo di Pedro de Toledo (1537-1546). La pianta ha la forma di una stella a sei punte; in parte è scavata nella massa tufacea ed è circondata da bastioni e fossati. Dagli spalti si gode una spettacolare vista a 360 gradi su Napoli.
Accanto al castello c’è il monumentale complesso della Certosa di San Martino, anch’essa di origine angioina: iniziata da Tino di Camaino nel 1325, fu trasformata tra gli ultimi anni del ‘500 e la metà del ‘600 dai più noti architetti ed artisti dell’epoca (Dosio, Fanzago), diventando la più compiuta espressione del barocco napoletano e uno dei più grandiosi monumenti della città. L’interno della chiesa è un trionfo di affreschi, sculture, marmi policromi, dipinti. Gli affreschi furono eseguiti, tra gli altri, da Giovanni Lanfranco e Battistello Caracciolo. Anche il presbiterio e la sagrestia sono ricchissimi di decorazioni: tele di Ribera, Massimo Stanzione, Guido Reni, armadi e stalli lignei intarsiati. La volta della cappella del Tesoro è affrescata con il luminoso Trionfo di Giuditta di Luca Giordano. Nelle sale intorno al Chiostro Grande ha sede il Museo Nazionale di San Martino. Il percorso espositivo comprende sezioni dedicate a scultura e pittura, arti minori, teatro. Importante la sezione dedicata alle immagini della città, con opere dal ‘400 in poi, tra cui la famosa Tavola Strozzi. Di particolare interesse la sezione presepiale, composta dalle opere dei più celebri artisti del ‘700 e da due eccezionali insiemi: le statue lignee del presepe quattrocentesco di San Giovanni a Carbonara e l’ottocentesco Presepe Cuciniello (così detto dal nome del donatore).

Da non perdere il Quarto del Priore (l’alloggio restaurato del padre Priore) in posizione panoramica, e il bellissimo giardino del convento. Il punto più elevato della città (457 metri) è l’Eremo dei Camaldoli, costruito nel 1585, da dove si può ammirare uno splendido panorama sul Golfo, le isole e i Campi Flegrei. Ultimo lembo del tessuto urbano della collina, merita una visita per godere appieno del vicino Parco dei Camaldoli.
Dai Camaldoli, scendendo per viale Colle Aminei, si arriva a Capodimonte. Il nome deriva dal tardo latino Caput de Monte e indica con chiarezza la posizione del luogo: una collina ubicata nel punto più alto della città storica. Qui sorge il Palazzo Reale di Capodimonte, circondato da un vasto parco. Carlo di Borbone, cacciatore appassionato, volle costruire qui un casino di caccia. In seguito ampliò il progetto e fece edificare un palazzo per sistemarvi le preziose collezioni farnesiane. L’edificio, disegnato da Antonio Medrano, fu completato solo nel 1839.
Nell’immenso bosco si trovano la Casina di Vittorio Emanuele II, il casino di caccia detto della Regina, la Cappella di San Gennaro, l’edificio dell’antica Fabbrica di porcellane fondata da Carlo di Borbone nel 1737, l’Eremo dei Cappuccini e la Fagianeria per l’allevamento dei fagiani.

Il Palazzo Reale è oggi sede del Museo Nazionale di Capodimonte, uno dei più importanti del mondo per la pittura e le arti decorative. Il nucleo più rilevante del museo proviene dalla collezione Farnese, iniziata da papa Paolo III ed ereditata da Elisabetta Farnese, madre di Carlo di Borbone. La quadreria comprende più di 200 capolavori: Masaccio, Botticelli, Raffaello, Ribera, Tiziano, Mantegna, Correggio, El Greco, Lorenzo Lotto, Parmigianino, Carracci, Bruegel. Nella stessa sezione sono esposti anche due cartoni preparatori di Raffaello e di Michelangelo, rispettivamente per la Stanza della Segnatura e per la Cappella Paolina in Vaticano. Altrettanto eccezionale è la Galleria della pittura a Napoli tra XIII e XIX secolo: il San Ludovico da Tolosa di Simone Martini, la sconvolgente Flagellazione di Caravaggio, e ancora capolavori di Ribera, Luca Giordano, Francesco Solimena.
La sezione dedicata all’Ottocento è ricca di opere dei pittori della scuola di Posillipo, da Anton Smick Pitloo a Giacinto Gigante, e di maestri del naturalismo, come i Palizzi. Dei tanti artisti del secondo Ottocento e del primo Novecento – da Domenico Morelli a Vincenzo Migliaro – è possibile avere una panoramica completa. Anche la sezione contemporanea annovera firme di assoluto rilievo: da Alberto Burri ad Andy Warhol, da Carlo Alfano a Mimmo Paladino. Il percorso di visita riserva altre meraviglie come l’Appartamento Storico, col Salottino in porcellana della regina Maria Amalia. La raccolta di arti decorative è una delle più ricche d’Italia, con opere uniche come il prezioso cofanetto Farnese e gli arazzi d’Avalos; tra le porcellane esemplari eccezionali, come il grande Carro dell’Aurora in biscuit, di Filippo Tagliolini.

Parla alla tua mente

*