ViaggiareGuide di viaggioToscana

Arezzo: una città da scoprire in una gita indimenticabile

Arezzo è una delle città più belle e affascinanti della Toscana, ma spesso viene sottovalutata dai turisti che preferiscono le mete più famose come Firenze, Pisa e Siena. Tuttavia, visitare Arezzo è un’esperienza indimenticabile, che permette di scoprire una città ricca di storia, arte e cultura, immersa in un paesaggio incantevole. In questo articolo, vi guideremo alla scoperta della città, fornendo tutte le informazioni utili per organizzare una gita perfetta, dagli itinerari alle attrazioni principali, dalle curiosità alla gastronomia locale.

Arezzo Palazzo comune
Palazzo dei Priori – Arezzo Di Vichingo93 – Opera propria, CC BY-SA 4.0,

Breve introduzione su Arezzo

Arezzo è una città di origine etrusca, situata nella parte orientale della Toscana, non lontano dal confine con l’Umbria. Conosciuta per la sua storia antica e per la bellezza dei suoi monumenti, è stata un importante centro commerciale e culturale fin dall’epoca romana. Oggi, la città è una meta turistica molto apprezzata, grazie alla sua posizione strategica e alle numerose attrazioni che offre.

  • Come arrivare ad Arezzo

La città è facilmente raggiungibile da diverse città della Toscana e dell’Italia centrale, grazie alla sua posizione sulla linea ferroviaria Firenze-Roma e all’autostrada A1. Se si arriva in treno, la stazione si trova nel centro della città e permette di raggiungere facilmente tutte le attrazioni principali a piedi o con i mezzi pubblici. Se si arriva in auto, invece, si consiglia di lasciare l’auto nei parcheggi del centro storico o in quelli della stazione e di muoversi a piedi o con i mezzi pubblici.

  •  Cosa vedere

Arezzo - Piazza Grande
Arezzo – Piazza Grande

Sono numerosi i monumenti e d i posti da visitare, che rappresentano il patrimonio storico e artistico della città. Tra i luoghi di maggior interesse, si segnalano la Piazza Grande, il Duomo, la Chiesa di San Francesco con gli spettacolari affreschi di Piero della Francesca, la Basilica di San Domenico, il Palazzo delle Logge e la Fortezza Medicea. Ognuno di questi luoghi ha una sua storia e una sua bellezza unica, che vale la pena di scoprire.

 

  • Cosa fare

Ad Arezzo non ci sono solo monumenti e musei da visitare, ma anche molte attività interessanti da fare. Si può passeggiare per le vie del centro storico, scoprire le botteghe degli artigiani e dei produttori locali, fare shopping nei negozi di moda e design, o partecipare a eventi e manifestazioni culturali come la Giostra del Saracino, lArezzo Wave Festival o la Fiera Antiquaria. Inoltre, la natura circostante offre molte opportunità per escursioni e attività all’aria aperta, come il Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi o la Riserva Naturale di Bandella.

  • Quando visitare Arezzo

Questa città può essere visitata tutto l’anno, ma le migliori stagioni sono la primavera e l’autunno, quando il clima è mite e si possono godere al meglio le bellezze della città e del territorio circostante. In estate, invece, le temperature possono essere molto alte e affollate, mentre in inverno la città assume un fascino particolare con le decorazioni natalizie e le manifestazioni della stagione.

Dove dormire

L’offerta dell’accoglienza è ampia e variegata, dalle strutture di lusso, alle pensioni e agli ostelli. In centro città si trovano hotel e bed & breakfast di ogni categoria, mentre nelle campagne circostanti ci sono agriturismi e case vacanze immersi nel verde. È consigliabile prenotare in anticipo, specialmente in alta stagione, per trovare le migliori offerte e sistemazioni.

Come muoversi

E’ comodo e consigliato muoversi a piedi o con i mezzi pubblici, come gli autobus urbani e le navette per le località turistiche. Inoltre, ci sono anche servizi di noleggio biciclette e scooter, ideali per visitare la città e il territorio circostante in modo autonomo.

La cucina e i prodotti tipici

La gastronomia di Arezzo è una delle più raffinate e saporite della Toscana. Questa città, situata nella zona sud-est della regione, offre una vasta selezione di piatti tradizionali e prodotti tipici, tra cui formaggi, salumi, carni, pane, vino e dolci. In questo articolo, scopriremo insieme le specialità gastronomiche, le loro origini e le caratteristiche principali.

  1. La carne di chianina
    La carne di chianina è una delle specialità più famose dell’area aretina. Questo tipo di carne proviene da bovini allevati esclusivamente nella zona della Valdichiana, una vasta area collinare che si estende tra le province di Arezzo e Siena. La chianina è una razza bovina molto antica, dalla caratteristica colorazione bianca, che produce una carne di altissima qualità, ricca di sapore e molto morbida. La carne di chianina è l’ingrediente principale di molti piatti tipici della cucina aretina, come la bistecca alla fiorentina, il peposo alla fornacina e il brasato di chianina.
  2. I salumi di Arezzo
    Anche i salumi aretini sono tra i prodotti tipici più apprezzati della zona. Tra questi, spiccano la finocchiona, il salame toscano e la porchetta. La finocchiona è un salume a base di carne di maiale, dal gusto delicato e aromatizzato con semi di finocchio selvatico. Il salame toscano è un’altra specialità molto apprezzata, a base di carne di maiale e spezie.
  3. I formaggi di Arezzo
    Pecorino toscano con bacche di ginepro
    Pecorino toscano con bacche di ginepro

    La produzione casearia è molto variegata, con una vasta gamma di formaggi a latte vaccino e caprino. Tra i formaggi più tipici della zona, spicca il pecorino toscano, un formaggio a pasta dura prodotto con latte di pecora. Il pecorino toscano ha un gusto intenso e caratteristico, che può variare a seconda del periodo di stagionatura. Altri formaggi molto apprezzati sono il formaggi affinati in fossa, gli erborinati e i formaggi di latte misto.

  4. Il pane
    Il pane di Arezzo è uno dei prodotti tipici più antichi della zona. La tradizione panificatoria aretina risale al Medioevo, quando la città era un importante centro commerciale e culturale. Oggi, il pane di Arezzo è conosciuto ed apprezzato per la sua crosta croccante e il suo sapore intenso. È ottimo da gustare accompagnato da salumi e formaggi locali in quanto è fatto rigorosamente senza sale.
  5. I dolci
    Anche i dolci di Arezzo meritano una menzione speciale. Tra i dolci più famosi della zona, spicca la torta di ricotta detta anche “torta della nonna“, un dolce a base di ricotta, uova e zucchero, arricchito con scorza di limone e vaniglia, molto morbida e delicata. Ovviamente non possono mancare tra i dolci,  i “cantucci“, biscotti croccanti con mandorle tostate e la schiacciata con l’uva, chiamata anche “panello“, una sorta di focaccia dolce decorata ed arricchita da acini d’uva nera ben matura.

La cucina aretina non è solo fatta di carne, ma anche di piatti a base di verdure e legumi. Tra i piatti tipici troviamo i “pici al ragù di cinghiale”, una pasta fresca molto simile alle tagliatelle condita con un sugo a base di carne di cinghiale. Il cinghiale è un animale che vive liberamente nei boschi della zona e che viene cacciato regolarmente.
Un altro piatto molto popolare è la “ribollita”, una zuppa di verdure a base di pane, fagioli, cavolo nero, carote, sedano e cipolle, che viene servita calda e spesso accompagnata da crostini di pane tostato.
La “bistecca alla fiorentina” è un altro piatto famoso della zona, ma spesso viene preparata anche ad Arezzo, accompagnata da patate arrosto o fagioli al fiasco.
In estate, poi, non si può non assaggiare la “panzanella”, un piatto a base di pane raffermo, pomodori freschi, cipolla, basilico e olio d’oliva, perfetto per le giornate calde.

Per quanto riguarda i vini, Arezzo è famosa soprattutto per il Chianti, ma ci sono anche altre denominazioni di origine controllata tra cui il Cortona DOC e il Valdichiana DOC.

In generale, la cucina aretina è una cucina povera, ma molto gustosa, che utilizza ingredienti semplici e genuini. I piatti sono solitamente molto ricchi e sostanziosi, perfetti per affrontare il clima fresco e umido dell’Appennino.

Domande frequenti su Arezzo

• Quali sono i musei da visitare ad Arezzo? Ad Arezzo ci sono molti musei interessanti, tra cui il Museo Archeologico Nazionale, il Museo dell’Opera del Duomo, il Museo Casa Vasari e il Museo Civico.
• Quali sono le località turistiche da visitare nei dintorni di Arezzo? Nei dintorni di Arezzo ci sono molte località turistiche da visitare, come Cortona, Montepulciano, Siena, San Gimignano e Firenze.
• Quali sono gli eventi culturali da non perdere ad Arezzo? Tra gli eventi culturali da non perdere ad Arezzo ci sono la Giostra del Saracino, la rassegna teatrale Incontri Internazionali e il festival Arezzo Wave.
• Quali sono i piatti tipici della cucina aretina? Tra i piatti tipici della cucina aretina ci sono la ribollita, la bistecca alla fiorentina, i crostini toscani, il cinghiale in umido e la schiacciata.
• Qual è il periodo migliore per visitare Arezzo? Il periodo migliore per visitare Arezzo è durante la primavera e l’autunno, quando le temperature sono più miti e si può godere delle bellezze della città e del territorio circostante senza il caldo estivo o il freddo invernale.
10. Conclusione Arezzo è una città che offre moltissime opportunità di svago e cultura per i visitatori. Con la sua storia millenaria, i monumenti e i musei, i mercati e i festival, la città offre una vasta gamma di esperienze che soddisferanno ogni tipo di turista. Inoltre, grazie alla sua posizione strategica nel cuore della Toscana, Arezzo rappresenta una base ideale per esplorare le bellezze della regione circostante. Che siate amanti dell’arte, della natura, del cibo o dello shopping, Arezzo saprà conquistarvi con il suo fascino autentico e genuino.

 

Articoli correlati

Un itinerario ad Assisi

Redazione ViaggiareItalia

L’architettura romanica a Como

Redazione ViaggiareItalia

Il Duomo di Cremona

Redazione ViaggiareItalia

Scrivi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.