CampaniaGuide di viaggio

Una gita a Caserta: cosa vedere e come arrivarci

Scopri la città di Caserta con la nostra guida.

Presentazione della città

Benvenuti a Caserta, una città situata nel sud Italia in Campania. Fondata nell’VIII secolo a.C. dai Sanniti, Caserta è stata governata da diversi popoli, tra cui i Romani, i Longobardi e i Normanni. Tuttavia, è stata sotto il dominio dei Borboni che Caserta ha raggiunto la sua massima splendore, con la costruzione del Palazzo Reale, una delle residenze reali più grandi del mondo. In questo articolo, scopriremo la storia e la cultura di questa città, oltre alle sue principali attrazioni turistiche.

Breve Storia di Caserta

Il territorio ha una lunga e variegata storia, che risale al periodo pre-romano. I Sanniti, un popolo italico, hanno fondato la città nell’VIII secolo a.C., e nel corso dei secoli successivi, la città è stata conquistata da diversi popoli, tra cui i Romani, i Longobardi e i Normanni. Nel XVIII secolo, la città fu sotto il dominio dei Borboni, che vi costruirono il loro palazzo reale. Durante la Seconda Guerra Mondiale, Caserta subì danni significativi a causa dei bombardamenti aerei alleati, ma la città è stata successivamente ricostruita e ora è un importante centro culturale e turistico.

Caserta oggi

Oggi è una città moderna e vivace, con una popolazione di circa 80.000 abitanti. La città è nota per il suo patrimonio storico e culturale, che comprende il Palazzo Reale, la Cattedrale di San Michele Arcangelo e il Museo Archeologico dell’Antica Capua. Caserta è anche famosa per i suoi prodotti gastronomici, come la mozzarella di bufala, il pomodoro San Marzano e i vini locali.

Il Palazzo Reale di Caserta

Il Palazzo Reale è senza dubbio la principale attrazione turistica della città. Costruito nel XVIII secolo su ordine del re Carlo III di Borbone, il palazzo è uno dei più grandi e maestosi del mondo, con oltre 1.200 stanze e un giardino di 120 ettari. Il palazzo è stato dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO nel 1997 ed è stato utilizzato come location per numerosi film, tra cui Star Wars: Episode I – The Phantom Menace.

Non solo la Reggia …

Oltre al Palazzo Reale, Caserta offre molte altre attrazioni turistiche. La Cattedrale di San Michele Arcangelo, costruita nel XIII secolo, è un esempio di architettura barocca e ospita alcune importanti opere d’arte. Il Museo Archeologico dell’Antica Capua ospita una vasta collezione di reperti archeologici della regione campana. La città è anche nota per i suoi parchi e giardini, come il Parco di Palazzo Reale e il Parco del Matese.

  • Parco della Reggia: il parco esterno della Reggia è un’oasi di verde e di pace, perfetto per una passeggiata o un picnic. È stato anche utilizzato come location per diversi film, tra cui Star Wars: Episodio II – L’attacco dei cloni.
  • Il Duomo: costruito nel 1113, il duomo di Caserta è uno dei luoghi di culto più importanti della città. Presenta un mix di stili architettonici che riflettono i cambiamenti che la città ha subito nel corso dei secoli.
  • Il Museo diocesano: il museo ospita una collezione di oggetti sacri e arte religiosa che risalgono a diversi periodi storici. Tra gli oggetti esposti ci sono dipinti, sculture e tessuti.
  • Anfiteatro Campano: situato nella zona archeologica di Santa Maria Capua Vetere (piazza 1° ottobre 1860 – ingresso € 2.50), l’anfiteatro è uno dei più grandi anfiteatri romani ancora esistenti. È stato costruito nel I secolo d.C. ed è stato utilizzato per spettacoli di gladiatori e combattimenti tra animali. Annesso all’anfiteatro si trova il Museo dei Gladiatori, dove si possono ripercorrere la storia e le gesta dei combattimenti dell’arena e alcune decorazioni provenienti dall’arena stessa.
  • Castello di Casertavecchia: è situato su una collina che domina Caserta, nell’omonimo borgo a nord-est dell’attuale moderno centro abitato, in via delle Greggi, 22; si tratta di un’antica fortezza medievale (datata 860 d.C.) che offre una vista panoramica sulla città. Nel borgo si trovano anche il Duomo, dedicato a San Michele Arcangelo, dei primi del 1300 e la Chiesa dell’Annunziata.
  • Museo della Seta del Real Belvedere si trova in Via del Setificio, 5 a San Leucio di Caserta; offre una sezione di archeologia industriale, dedicata all’antica Fabbrica della Seta, l’Appartamento Storico e i Reali Giardini composti da 7 terrazze.
  • La cucina locale: la cucina campana è rinomata per la sua qualità e varietà e Caserta non fa eccezione. Assaggia le specialità locali come la mozzarella di bufala, il pasticcio di maccheroni, le pizze fritte e i dolci tradizionali come la pastiera e il babà.
  • Parco Naturale Regionale del Matese: se vuoi goderti la bellezza naturale della Campania, il Parco Naturale Regionale del Matese è una scelta ideale. Situato a pochi chilometri dalla città, il parco offre una vasta gamma di attività all’aria aperta, tra cui escursioni, mountain bike e sci.

Questi sono solo alcuni dei tanti modi per goderti una visita a Caserta. Che tu sia interessato alla storia, all’arte, alla natura o alla gastronomia, questa città avrà sicuramente qualcosa da offrirti.

La gastronomia casertana

La cucina casertana è influenzata dalla tradizione culinaria campana e mediterranea. I piatti sono preparati con ingredienti freschi e di stagione, spesso provenienti dall’agricoltura locale.

Alcuni dei piatti tipici di Caserta includono:

  • Parmigiana di melanzane: un piatto a base di melanzane fritte, pomodoro, basilico, mozzarella e parmigiano reggiano.
  • Menesta ‘mmaretata: una zuppa di carne e verdure (verza, scarola, cicoria) che si prepara tradizionalemnte per Natale e Pasqua.
  • Pettolelle coi fagioli: una pasta fresca condita con fagioli cannellini, olio, aglio e prezzemolo.
  • Mozzarella di bufala DOP, regina della cucina campana, non manca neppure in questa provincia.
  • Maialino Nero casertano: una della carni più pregiate d’Italia; vengono allevati in grandi spazi aperti e molto cura è dedicata alla loro alimentazione.
  • Cianfotta: un “miscuglio” di verdure (melanzane, peperoni fritti, pomodori, cipolle, patate ed arbe aromatiche); a volte vi viene aggiunta della carne e diviene un secondo piatto assai gustoso.
640px Filatura Mozzarella Bufala
Mastri casari al lavoro – Di Antsalvati – Opera propria, CC BY-SA 4.0

Strutture ricettive

Se ti abbiamo incuriosito e stai pensando di visitare questa città, continua a leggere questa guida per scoprire dove dormire.

  1. Hotel e Bed & Breakfast nel centro storico
    Per coloro che vogliono soggiornare in un posto centralissimo, l’ideale è optare per un alloggio nel centro storico di Caserta. Qui si trovano diverse strutture alberghiere di ogni categoria, come hotel a 3 o 4 stelle, oppure bed & breakfast molto curati e accoglienti.
  2. Resort e agriturismi nei dintorni
    Se invece preferisci stare fuori dal caos del centro, puoi optare per un resort o un agriturismo nelle campagne vicino a Caserta. Qui potrai godere della tranquillità della natura e di un’ottima cucina casereccia, magari con una piscina a disposizione.
  3. Alloggi nei pressi della Reggia
    Infine, per chi vuole vivere un’esperienza a tutto tondo della città di Caserta, consigliamo di alloggiare nelle vicinanze della Reggia di Caserta. Qui potrai godere di una vista panoramica unica sul palazzo e goderti una passeggiata nel grande parco che la circonda.

Eventi, sagre e manifestazioni

Conosciuta principalmente per la magnifica Reggia, la buona cucina e gli splendidi paesaggi, Caserta offre molto di più, tra cui una vivace vita culturale.

Fiera di San Martino

Ogni anno a Piedimonte Matese in corrispondenza con la celebrazione di San Martino l’11 novembre, si svolge in piazza Roma una grande festa “contadina” con street food, mercato di prodotti tipici a km-zero, balli e musica.

Un’estate da Re

Un appuntamento immancabile per gli appassionati della grande musica: Un’Estate da Re si tiene ogni anno nella meravigliosa cornice della Reggia tra luglio ed i primi di agosto

Articoli correlati

Trapani: la guida completa per una vacanza indimenticabile

Redazione ViaggiareItalia

Guida alla città di Como ed al suo lago

lara

XVI edizione della Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico

Redazione ViaggiareItalia

Scrivi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.